WWE

WWE RAW: Omelette di Cleopatra

WWE RAW: Omelette di Cleopatra

Analisi di Monday Night Raw

WWE Pubblicato in data 24/11/2021 da Andrea Capruzzi

Per fare una frittata bisogna rompere un uovo! Nessun detto potrebbe rappresentare al meglio l’episodio di questa settimana di Monday Night Raw che, lasciato lo scontro tra brand alle spalle, può concentrarsi sulle dinamiche principali dello show e sul riprendere una dinamica vista nelle Series: l’arrivo dell’uovo di Cleopatra in casa WWE posseduto, ovviamnete, da Vince McMahon!

 

Citando quest’ultima , va riconosciuto come questo espediente per pubblicizzare la serie che vede Dwayne “The Rock” Johnson come coprotagonista (Red Notice) sia segno di come la WWE abbia imparato dell’errore fatto a Wrestlemania Backlash, dove inscenò il discusso Lumberjack match con gli zombi per promuovere il film “Army of the death” con Batista. In questa puntata, l’artefatto serve per far partire una caccia al ladro che termina in una maniera sì anti climatica, ma che conferisce una title shot al responsabile: Austin Theory. Il rimando alla scelta di Pearce di aggiuncere Theory al team di Raw per un motivo di stile e la ricompensa di una title shot nella serata per aver rubato l’uovo visto come gesto di “coraggio” aiuta Austin a farsi vedere come raccomandato e quindi a risultare meno anonimo rispetto al suo primo stint a Raw. Anche nel main event l’ex NXT sul ring non sfigura regalando una solida prestazione. 

 

Interessante la situazione legata al titolo massimo da Big E, vittorioso contro lo sfidante Austin Theory, grazie anche al mancato intervento di Seth Rollins grazie a Kevin Owens, che si guadagna l’odio del visionario. Uno scenario sembra essere destinato ad un futuro scontro a tre. Un peccato perché potrebbe significare l’uscita di scena di uno dei due anticipatamente da eventuali rematch, anche se solo il tempo può dirlo. Parlando di tempo non si può che redarguire la gestione dell’angle tra Seth e Finn Balor, che subisce l’attacco iracondo del visionario arrivando a colpirlo due volte con lo stomp. Un trattamento che non accresce lo status di Rollins e che va solo a diminuire quello di Balor che, da quando è tornato nel main roster, non è riuscito ad avere un seguito. La speranza è che questo squash serve per giustificare un eventuale assenza o infortunio altrimenti sarebbe un sarebbe un sacrificio troppo grande da giustificare.

 

Colpo di scena invece nella categoria di coppia femminile dove Queen Zelina e Carmella riesco a strappare le cinture alle campionesse Rhea Ripley e Nikki A.S.H. . Un cambio di titolo che è sorprende nella rapidità con cui è arrivato, ma che non stupisce visto l’intento di far passare Nikki come l’anello debole della coppia, evidenziato dal fatto che sia stata proprio la superiora a subire lo schienamento decisivo, e che potrebbe creare delle spaccature tra lei e Rhea, che potrebbero accentuarsi anche in vista di un rematch per i titoli. Sta di fatto che il regno dell’australiana e della scozzese non ha mai vantato momenti memorabili e risultava più un tentativo di far apprezzare Rhea da parte del pubblico ancora dubbiosa vista la sua rapida ascesa e discesa nella categoria.

 

Situazione di stallo nella categoria singola femminile dove il feud principale cerca di risultare imprevedibile ma fallisce a priori: può solo che essere elogiato il ruolo da baby face di Liv Morgan ma purtroppo la sua gestione singhiozzante non la rendono una minaccia per il titolo di Becky Lynch dopo aver ottenuto una nuova vittoria su Charlotte Flair. Nei confronti parlati Liv sta avendo sempre l’ultima parola, ma il fattore che aiuterebbe e non di poco il suo status sarebbe qualche prestazione sul ring.

 

Situazione buia per la famiglia Mysterio che perde, nonostante il vantaggio numerico, contro Bobby Lashley. Vottoria, non scontata in una fase della contesa, per All Mighty ma che si aggiunge al lungo serie di risultati negativi per Rey e figlio e che fanno sperare in un doveroso cambio di rotta: lo scontro padre figlio è stato spesso messo fuori discussione da parte dei due, ma lo split tra Rey e Dominik deve avvenire per dare al figlio del folletto di San Diego il suo momento che, ad ora, ha sempre condiviso con il padre.

 

Tirando le somme possiamo definire la puntata di Raw riuscita a metà: se da una parte abbiamo uno show che diverte con i segmenti iniziali tra Riddle e Randy Orton e il match a seguire, un narrazione interessante intorno al titolo massimo ed il cambio di titoli di coppia femminili, dall’altra abbiamo uno show lento e che non prende lo spettatore con momenti senza senso o poco chiari. Il lottato è degno di una puntata settimanale, salvo alcuni momenti di pathos, come nello scontro tra i Mysterio e Lashley, anche se non si può perdonare il mancato scontro tra Seth Rollins e Finn Balor quando poteva essere messo al posto del match per il titolo 24/7.

Un peccato perchè la frittata è diventata omelette.



Fight Planet Italia

WWE Pubblicato in data 19/09/2022

WWE TOP E FLOP: Episodio 10

Il meglio ed il peggio della settimana del 12/08/2022

Dopo una settimana di stop torna il nostro appuntamento targato Fightplanet Italia dove analizziamo quello che è accaduto durante la settimana di wrestling targata WWE; una serie di appuntamenti che anche questa volta hanno offerto alcuni colpi di scena con campi di titoli ma poco altro. Andiamo a vedere quello che secondo noi sono stati gli eventi più convincenti, e non, della settimana.

Top: Dominik (Raw)

Il figlio di Rey Mysterio continua ancora a stupire dopo il turn ad Clash at the Castle mostrando durante l’intera puntata di saper vestire bene i panni dell figlio rancoroso: il promo di Dominik è una chicca che spiega al meglio l’evoluzione del suo personaggio e lo redime dopo mesi e mesi di nulla totale e sconfitte, impreziosito anche da un tono molto serio fatto di musica cupa e di oscurità insieme ad una sempre più cardine Rhea Ripley mostrata quasi come un “diavolo tentatore” intento ad ofuscare e manipolare la mente del membro della famiglia Mysterio. Da menzionare anche l’evoluzione del Judgment Day in se per se che in queste ultime settimane è passata da stable senza un vero motivo di vita ad una forza quasi inarrestabile. Un crescendo che sta portando hype alla rivalità e che si spera possa portare allo scontro tra Rey e suo figlio. Crescendo!

Top: Pretty Deadly (NXT 2.0)

Continuano a sorprendere i campioni di coppia di NXT, difendendo con successo i loro titoli in un opener stupendo e che potrebbe entrare nelle pietre miliari dei match di coppia dello show facendo rimanere più volte a bocca aperta e continuando la narrazione della faida tra i Creed Brother e l’ex compagno di stable Damon Kamp. Parlando di quest’ultimo, il confronto con i Creed sembra inevitabile e sorge spontanea la domanda su chi possa aiutare il fratello di Gable Stevenson: con il fratello che sembra sempre piùlontano dalla federazione il nome più papabile potrebbe essere quello di Roderick Stong, interessato ad aiutare Kamp per vendicarsi su Julius per non avergli mai dato fiducia; un plot twist sicuramente forzato ma che al momento potrebbe essere l’unico filo logico per far implodere la Diamond Mine. Al di là della sorte dei compagni, i Pretty Deadly si stanno confermando una coppia di campioni solida capace di mettere interesse per le loro prossime difese. Magnifici!

Top: Browling Brutes (Smack Down)

Occasione d’oro per Ridge Hollande e Butch che, con la vittoria del match a squadre, guadagnao il diritto di sfidare I titoli di coppia indiscussi in possesso degli Usos. Un traguardo non di poco conto se si pensa ai tea presento nel match, arrivando persono a battere per la prima volta dopo il loro debutto l’Imperium . Un piccolo contentino per quello che di fatto sarà una faida di transizione a che potrebbe servire per dare spazio ai due inglesi, specie Ridge Holland, di modo da far empatizare di più il pubblico con loro; ad aggiungere pepe alla sfida sarebbe stato interessante vedere Sheamus confrontarsi con il Tribal Chief di modo da lanciare anche la sfida tra i due. Un programma che potrebbe essere fatto in futuro ma che al momento vede l’incognita della disponibilità di un feud con il Big Dog vista la riduzione delle sue apparizione e visto anche il già annunciato scontro con Logan Paul. Sta di fatto che i Broeling Brutes stanno riscuotendo un grande appoggio dal pubblico e sarebbe un peccato non sfruttarlo. Bellicosi!

Flop: Austin Theory (Raw)

Compito non facile quello di Thoery nel fronteggiare uno straripante Kevin Owens, semprepiù tra le file dei buoni, autore di un promo da vero bomber di razza ma che comunque non giustifica una presenza scenic così nulla del Mr. Money in the Bank, rimasto a guardare mentre il canadese lo definiva non all’altezza di essere il futuro della federazione ed uscendo dallo scontro fisico con il naso rotto ( sicuramente un incidente, ma che va a depotenziare Theory). La vera perplessità è che Austin, vista la sua credibilità in enorme discesa, possa arrivare a perdere la valigetta in favore di Owens andando ad affossare definitivamente la sua credibilità: da quando infatti Triple H ha preso le redini del team creativo, Austin ha perso l’aurea di “promessa” a cui Vince McMahone ci aveva abituato rendendolo prima vittima del promo di Roman Reigns ( con la famosa frase “Ora il paparino non c’è più), facendogli perdere il titolo americano oltre a venire puntalmente messo KO ogni qual volta avesse cercato di incassare il Money in The Bank. E’ inoltre innegabile come la politica di Hunter premi quelli che lui definisce i suoi “fedelissimi” di NXT e come Owens sia uno di questi, ma dare al Prize Fighter l’occasione di poter diventare Mr.Money in the Bank potrebbe essere uno sgarro troppo grande per Thoery e per colore che non sono considerati come i “ figliocci” di Paul Lavesque. D’altro canto, la faida con Owens potrebbe rappresentare un modo per far riacquistare la credibilità perduta in questi mesi da parte di Theory di modo da prepararlo per il grande incasso anche se, visto lo status di Roman Reigns, potrebbe giovare poco. Al momento non ci è dato sapere il futuro dell’ex campione degli stati uniti ma, il presente di Theory non è che sia tanto incoraggiante. Ridimensionato!

Flop: Solo Sikoa(NXT 2.0)

Nonostante la vittoria del titolo sia stata lungamente annunciata dalla WWE, la conquista del titolo da parte di Solo sikoa arriva con una modalità poco sensata e viene intaccata dalla recente promozione nei ranghi della Bloodline: per quanto la vicinanza alla stable samoana possa giustificare la sua title shot a Carmelo Heyes, dopo che questi ha messo fuori gioco il vero avversario votato dal pubblico West Lee, tale intuizione potrebbe andare ad intaccare la credibilità di Solo visto non più come un “lottatore” che si guadagna quello che vuole ma semplicemente di un raccomndato. Fa nascere anche qualche dubbio la futura gestione del titolo Nord Americano, costringendo Sikoa ad apparire in due show con la probabilità di vedere meno il samoano ad NXT, cosa che potrebbe essere già prevedibile nel prossimo episodio del neo show bianco ed oro dove Wes Lee e Carmelo Heyes dovranno sfidarsi per scoprire chi andrà contro Solo. A complicare la gestione poi è il poter difendere il titolo Nord Americano di NXT a Smack Down nel tentativo di far conoscere il brand al pubblico generalista che però si trova con un titolo a cui non sa che valore dare senza conoscerne il prestigio e la storia, oltre che ad essere una strategia già testata ( e senza particolare successo) da Braun Breakker con la vittoria del  titolo NXT nel Raw post Wrestlemania che non ha portato un buz allo show di appartenenza del campione. La vera impresa che avrebbe potuto far prendere in considerazione il fratello degli Usos sarebbe stata quella di fargli vincere un titolo del main roster, in particolare quello degli Stati Uniti (sfruttando la sempre più marcata brand extention) di modo da proporre Solo come il vero enforcer della stable. Una serie di riflessioni che comunque non vanno a sminuire il traguardo raggiunto da Solo Sikoa ma che comunque potrebbero portare pochi vantaggi a lungo termine. Sprecato.

Flop: Logan Paul (Smack Down)

Mandare come sfidante un novello wrestler con solo due match alle spalle contro uno dei campioni più dominante della storia non è la mossa migliore per creare hype per un match specie se poi lo sfidante è un sempre fischiatissimo Logan Paul che, nonostante abbia dimostrato il suo valore a Summerslam contro The Miz, potrebbe non essere ancora pronto per un main event di tale portata. Sicuramente stiamo parlando del nulla dato il rumore mediatico che porterà la web star in vista di Crow Jewels sarà una mossa di marketing vincente già in partenza ma l’idea di vedere un match che di per se non da ne un senso di incertezza sul possibile vincitore ( anche se pochissimi sfidanti hanno potuto dare questa impressione negli scontri con Reigns) ne il sentore di vedere una contesa avvincente dal punto di vista del lottato non trasmettono la voglia di vedere lo scontro tra i due. Un altro fattore che lascia qualche perplessità è la possibile gestione della faida a livello di tempistiche dato che il faccia a faccia tra i due avverrà tra poco meno di due mesi con in mezzo Extream Rules che non prevedrà la presenza di Roman lasciando Logan Paul orfano del suo avversario per continuare la faida ( fatta eccezione per un possibile faccia a faccia con i membri della Bloodline, in particolare con gli Usos spiegando il motivo della loro difesa titolata a Smack Down e non al PLE più estremo dell’anno). Visti anche i risultati nel main event, sarebbe stato interessante vedere uno scontro su due fronti tra i Brawling Brutes e gli Usos, con in palio le cinture di coppia, mentre Reigns avrebbe potuto lottare contro Sheamus, sempre più lanciato nelle file dei buoni oltre che autore di prestazione di rilievo durante l’anno di modo, in modo da poter tranquillamente constuire una faida anche fino a Survivor series con uno scontro tra fazioni. Al di là delle possibili alternative, proporre Logan Paul come avversario di Roman potrebbe essere una ottima mossa a livello di promozione e probabilmente di atletismo sul quadrato, anche se Roman sta registrando delle performance nell’ultimo periodo poco brillanti a livello di atletismo, ma è un sfida troppo prematura per la web star che non regala niente a livello narrativo e potrebbe essere un brutto stop al suo momentum in WWE. Precoce!


Fight Planet Italia

WWE Pubblicato in data 18/09/2022

WWE SMACK DOWN: risultati del 16/09/22

Risultati Rapidi di Smack Down Live

Viene consegnata agli archivi la puntata settianale di Smack Down Live che, comeda tradizione, va a regalarci tanta azione sul quadrato ed anche andando a dare un nomi ai prossimi sfodanti per i titoli di coppia indiscussi e suggerendo anche quello per il titolo mondiale. Ecco cosa è accaduto:

 

Apre la puntata Logan Paul che ribadisce la sfida lanciata a Roman Reigns durante il suo podcast, invitando ad un confronto verbale il Tribal Chief nella conferenza stampa di Las Vegas per Crown Jewel. La web star viene interrotta da Paul Heyman, accompagnata dalla Bloodline, che cerca di dissuadere Logan ma ottenendo l’effetto contrario con quest’ultimo che dice di aver bisogno solo di un occasione per diventare il nuovo campione. Interviene Sami Zayn cercando di sistemare la situazione ma venendo colpito con un pugno da Logan che poi fugge ettendosi in salvo dall’attacco della Bloodline.

Ricochet batte Sami Zayn per schienamento grazie ad una distrazione di Zayn, provocata da un intervento di Jey Usos che interrompe il conteggio per l’Honorary Uce, con i due che arrivano al faccia a faccia. Nel post match la Bloodline cerca di attaccare Logan e Ricochet ma interviene Madcap Moss armato di sedia che sfida Solo Sikoa.

Karrion Kross ricorda l’attacco ai danni di  Drew McIntyre di settimana scorsa dicendo che lo scozzese sarà improgionato in un loop temporale di sofferenza.

Braun Strowman interviene rovinando la sfilata della Maximum Male Models a tema “scolari” colpendo con una Powerbob Man.soor. Il Monster Amoung Man viene poi atterrato da Otis, con una World Strongest Slam, e Chad Gable ma rialzandosi subito dopo e lancia la sfida a l’ex Mr. Money in the Bank.

Fanno il loro ingresso le Damage CTRL con Bayley che afferma come la stable abbia mantenuto la loro promessa di dominare la scena perché hanno il potere di vincere titoli e di controllare la divisione femminile; le tre vengono interrotte da Raquel Rodriguez che invece dice come le Damage non abbiamo il potere di fermarla.

Bayley batte Raquel Rodriguez per schienamento grazie a l’intervento di Io Sky e Dakota Kay. Nel post match, le Damege CTRL infieriscono su Raquel che però viene soccorsa da Shotsi.

Faccia a faccia tra Ronda Rousey e Liv Morgan con la campionessa che chiede rispetto alla sfidante, essendo stata l’unica ad aver battuta due volte l’ex UFC fighter, ma sapendo di non riceverlo promettendo che lo otterrà sconfiggendola di nuovo ad Extream Rules ma questa volta nel match dall'omonimo nome del PLE. Ronda accetta dicendo come questo incontro sarà il suo funerale.

Drew McIntyre dice a Karrion Kross di avere finlmente la sua attenzione e che, siccome è fissato con il tempo, dovrà temere conto che precede la Claymore.

Prima del match, i gemelli Usos stanno caricando Solo Sikoa per il suo scontro con Moss. Lo Street Fighter dice volersela cavare da solo, chiedendo però a Samy Zayn di averlo a bodo ring.

Solo Sikoa batte Madcap Moss per schienamento rimanendo il campione Nord americano di NXT, grazie alla distrazione creata da Samy Zayn.

Brawling Brutes battono l’Imperium, Hit Row e il New Day per schienamento ottenendo una Title Shot ai titoli di Coppia Indiscussi in programma per il prossimo episodio di Smack Down.


Fight Planet Italia

WWE Pubblicato in data 14/09/2022

WWE RAW: Risultati 12/09/2022

Judgement Day ancora protagonista. Nuove Tag Champs?

È di nuovo tempo di Monday Night RAW, andiamo a scoprire cosa è accaduto nell'ultimo episodio. Dove nel Main Event abbiamo la sfida tra Edge e Dominik Mysterio.

 

- Finn Bálor (con Damian Priest) sconfigge Matt Riddle. Il BRO per eccellenza aveva rifiutato di unirsi al Judgement Day. Questo a seguito dell'inizio della serata dove Riddle aveva avuto l'oramai classico alterco con il rivale Seth "Freakin" Rollins.

 

- Women’s Tag Team Championships:
Damage CTRL (IYO SKY & Dakota Kai, con Bayley) hanno sconfitto le Boujee & Badass (Aliyah & Raquel Rodriguez) diventando così le nuove WWE Women’s Tag Team Champions.

 

- Johnny Gargano ritorna sul ring dopo 9 mesi. Match molto piacevole e vittoria contro Chad Gable (con Otis) con il pubblico tutto a favore di Johnny Wrestling. Dopo l'incontro viene colpito con la valigetta, alle spalle, da Austin Theory. Quest'ultimo terrà poi un promo interrotto da Kevin Owens che risponderà a sua volta con un promo davvero passionale e autorevole. Il tutto sfocia in una zuffa sedata da arbitri e staff vario.

 

- RAW Women’s Championship:
Bianca Belair indice una Open Challenge per il titolo. A rispondere è a sopresa Sonya Deville, che esce sconfitta dal match. Nel post è Bayley a intervenire con un gioco mentale ai danni della campionessa, che si chiude con l'arrivo delle nuove Tag Team Champions fermate da Asuka e Alexa Bliss. Bayley alla fine ha la peggio. 

 

- Si rivede anche Omos (w/ MVP) vincente contro due jobbers si presume locali.

 

Continua bene la storia tra The Miz e Dexter Lumis che, in un segmento in esterna a casa dell'Awesome One, vediamo la presenza di Lumis, che mostra un bel ritratto da lui realizzato della famigliuola Mizanin, all'interno quando Miz e Maryse lasciano la loro lussuosa magione.

 

A seguito di un segmento di backstage dove Rollins come sempre si erige a migliore di tutti, viene annunciato che nella prossima puntata affronterà Bobby Lashley, il quale gli aveva risposto per le rime, con lo US Championship in palio.

 

- Edge sconfigge Dominik Mysterio per squalifica causata ovviamente dal Judgement Day. A fine match la stable al completo attacca violentemente la Rated R Superstar, anche Rey Mysterio non se la passa prorpio bene.